Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!

SINDACALISTI E IMPRENDITORI TARGATI PD

9 febbraio 2018

La risposta dei segretari PD al nostro articolo sulla passerella elettorale del ministro Fedeli alla TMM ci lascia molto perplessi.

In una vicenda dove escludendo i lavoratori, si stanno giocano i loro diritti fondamentali, le varie parti in causa sono targate Partito Democratico, dai sindacati alla Piaggio unico cliente dell’azienda, ci pareva grottesco che il ministro Poletti (PD) manco conoscesse la TMM, forse il governo regionale (PD) ha avuto problemi a informarlo o Rossi era troppo impegnato a inaugurare stabilimenti Piaggio in Vietnam come nel 2012, o forse la Fedeli (PD) come Ministra dell’istruzione è più competente in  materia del Ministro del lavoro, non lo sappiamo ce lo devono dire loro.

Se il segretario PD Sonetti intende come ”fare sistema”   essere vicini ai lavoratori con sindacati ed enti locali (PD) e agli imprenditori (PD) con Regione(PD) e Governo (PD) libero di crederlo, hanno il monopolio della questione e tengono i piedi in tutte le staffe, a chi andavano chieste risposte?

Se sono veramente vicini alle aziende dell’indotto Piaggio, se parlano con i loro imprenditori, o dipendenti o con i dipendenti di Piaggio stessa, sanno bene che ormai da anni l’azienda che è stata il pilastro della nostra economia attua una politica di delocalizzazione degli stabilimenti produttivi o come nel caso di TMM (ultima ditta chiusa o pesantemente ristrutturata in zona) delocalizzano le forniture, a una velocità così preoccupante da far credere che in pochi anni di italiano nei prodotti Piaggio rimarrà solo il nome.

La Piaggio è un’azienda privata, anche se qualche “aiutino” pubblico l’ha avuto nei momenti di crisi e attua giustamente la politica aziendale che ritiene migliore, ma quando questa politica impoverisce il territorio è obbligo morale da parte delle forze politiche locali denunciarlo specialmente da parte di chi non ha componenti, amici e parenti nel consiglio di amministrazione che queste politiche decide .

Di Battista (che fa campagna solo per il movimento visto che ha deciso di non candidarsi) durante il suo comizio ha usato Piaggio e Pontedera come esempio eclatante di quanto scritto sopra, di un azienda privata (targata PD) che delocalizza, impoverisce l’indotto e il territorio e se ha bisogno chiede aiuto allo Stato, cosa ha sentito di offensivo per la città il signor Della Bella lo sa soltanto lui, forse ha invidia per le proposte programmatiche di difesa del made in Italy, di leggi anti delocalizzazione (presenti e funzionanti  in altri paesi per esempio in Francia) che il Dibba ha spiegato in piazza.

Per chi critica la nostra “assenza”, citiamo la mozione presentata dalla nostra consigliera regionale Irene Galletti, e che speriamo sia votato da tutti al prossimo consiglio e che impegna la giunta regionale ad adoperarsi presso il Ministero e l’azienda perché cessino le discriminazioni verso i lavoratori in presidio.

Per concludere e tornare sull’argomento principale, massima solidarietà a chi lotta per i diritti, nonostante tutte le angherie  e gli smacchi che continua a subire, auspichiamo un lieto fine per l’odissea dei lavoratori TMM e che Sonetti e Della Bella ci possano finalmente criticare mostrando un successo del “fare sistema” visto che  questa volta al tavolo delle trattative fanno tutto all’interno del PD , perchè fino ad oggi e ci dispiace per i lavoratori, in tante vicende simili si sono viste tante foto, strette di mano, promesse e alla fine disperazione.

Diteci  che questa volta sarà differente!!.

P.S. Strano ma vero… anche la U.I.L.M. appoggia il nostro pensiero.

Movimento 5 Stelle Pontedera

Share

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *