Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!

POPULISMO ROSSO

13 marzo 2018

Apprendiamo con disappunto e incredulità l’ultima infelice uscita del governatore Enrico Rossi intenzionato a devolvere € 20.000  di soldi pubblici alla famiglia del nostro concittadino Idy Diene, barbaramente ucciso dal gesto folle di un criminale il quale ci auguriamo venga assicurato alle patrie galere e ci trascorra più tempo possibile.

Abbiamo già espresso il dolore per l’accaduto e la solidarietà nei confronti di questa sfortunata famiglia ma ciò non toglie che dobbiamo indignarci di fronte all’ennesima ingiustizia. Le generose offerte, le elargizioni e le mance si fanno con i soldi propri e possibilmente in silenzio non con i soldi pubblici. Sarà la giustizia ad attribuire il giusto e dovuto compenso alla famiglia e l’assassino o chi per lui chiamato ad esborsare, non certo la collettività che suo malgrado dovrà comunque accollarsi le spese necessarie a riparare lo scempio che parte della comunità senegalese ha arrecato alla città di Firenze, impegnando un grosso dispiegamento di forze dell’ordine e danneggiando gli arredi cittadini in maniera totalmente ingiustificata. Gli slanci di generosità caro governatore li soddisfi di tasca propria attingendo dai suoi lauti emolumenti e prebende.

E poi, chissà cosa differenzia quest’ultimo delitto dall’omicidio dell’americana Ashley Olesen, uccisa a Firenze nel gennaio 2016 e per cui è stato condannato ( in II grado) il senegalese Cheik Diaw ?
In ogni comune toscano ci sono migliaia di famiglie che versano in precarie se non gravi situazioni economiche, la piaga della disoccupazione colpisce più di una famiglia su due, la gente sopravvive con i conti in rosso risparmiando perfino sulla salute in un sistema sanitario che lei vanta come il fiore all’ occhiello. A costoro, alle vittime della strada, ai figli strappati alle mamme causa femminicidio, non è mai stato tentato di devolvere niente? La vostra storia non si fonda sulla uguaglianza sociale?! Troppa incoerenza, siete senza pudore. Pensavamo che la notizia dei 20.000 € fosse una bufala e invece la realtà talvolta supera la fantasia. Data la recente debacle probabilmente non resta che puntare tutto sul voto dei futuri nuovi cittadini immigrati…abbastanza squallido come ragionamento. Non vi basta aver perso 5 milioni di voti in tre anni su scala nazionale, evidentemente puntate all’estinzione e noi ci auguriamo che raggiungiate l’obiettivo.

 

Movimento 5 Stelle Pontedera

 

 

Share

3 commenti

  • Marcello Bonacchi 15 marzo 2018a05:00

    La morte del povero immigrato da parte di uno squilibrato che vedeva l’omicidio come unico modo in Italia per essere messo in galera e non gravare più sulla famiglia (sue dichiarazioni) è stato preso a pretesto di un “razzismo” che ha scatenato i frequentatori nulla-facenti dei centri sociali. La manifestazione autorizzata dalla Questura ha implicitamente ammesso che si è trattato di atto razzista e ciò in contrasto con le risultanze della Magistratura.
    I politici di sinistra che hanno ritenuto di rappresentare gli Italiani partecipando alla manifestazione hanno solo distratto l’opinione pubblica dalle recenti lacerazioni anali del Partito Democratico e di Liberi ed Uguali.

  • Luca 16 marzo 2018a08:55

    Che imbarazzo, un articolo del genere potevo aspettarmelo da caspound o da Borghezio, speravo che almeno voi foste diversi

  • ALEX 16 marzo 2018a16:39

    Un uomo è morto. Scelto come vittima perché di pelle più scura. Sua moglie ha già perso il precedente compagno per motivi razziali, manco fossimo nell’Alabama del Klu Klux Klan. 20.000 euro non colmeranno mai la perdita di una persona cara, ma è un gesto importante per una comunità: serve a combattere l’odio, a ricordarci che siamo tutti esseri umani. Credenti e non, di destra o di sinistra, dovremmo condividere il senso profondo di questo risarcimento simbolico alla moglie della vittima. Eppure, per chi ha scritto questo post, il denaro è più importante di una vita umana. Perché quella vita vestiva una pelle più scura della sua. Inutile girarci intorno: questo atteggiamento ha un nome, e si chiama razzismo. Chi ha scritto questo post, è razzista. Anche se tenta di nasconderlo. Ha gettato via la propria anima per qualche cestata di voti in più alle elezioni. Spero solo che i miei figli non diventino come chi ha scritto questo post. Spero che, loro, restino umani. Con infinita tristezza, Alex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *