Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!

LA GIUSTIZIA NON HA COLORI NE’ PRASSI

19 marzo 2018


In risposta ai numerosi attacchi politici e alla sequelle di commenti scaturiti in seguito al nostro articolo intitolato Populismo Rosso, riteniamo improrogabili alcune precisazioni, all’unico scopo di corroborare quanto precedentemente scritto e ribadire quanto già sostenuto.
Mente spudoratamente, oppure è disinformato chi afferma che esborsi in favore delle vittime sono previsti da una legge regionale riferendosi alla n. 57/2008; essa infatti prevede un contributo di solidarietà ai morti sul lavoro nell’esercizio delle loro funzioni, fattispecie nella quale non rientra certo la morte del povero concittadino Diene, ucciso per mano di un folle a Firenze nei giorni scorsi.
Mente spudoratamente chi sfrutta questa tragedia umana per tacciare di razzismo l’avversario politico con l’intento di mettere a tacere le opposizioni con l’unico argomento che sono capaci di usare sull’ infuocato tema dell’immigrazione dove tutte le loro politiche sono miseramente fallite o meglio…quali politiche…non pervenute!
È stato il GIP, un qualificato funzionario dello Stato e non un sovversivo grillino ad escludere categoricamente ogni movente a sfondo razziale. Per quale motivo si preme per affibbiare una connotazione razziale ad un omicidio che null’altro è stato se non l’opera criminale di un folle? Speculare in questo modo strumentalizzando e manipolando la realtà a fini politici per salvare il salvabile in termini elettorali, questo sì è uno scempio.
Fuori tempo e fuori luogo è stata la dichiarazione di Rossi: fuori tempo in quanto antecedente rispetto alla mozione presentata da SI e FI in consiglio regionale, la cui approvazione ha portato all’effettiva attribuzione dei 20.000€ alla vedova di Diene:
una mozione ( che avrebbe potuto in quanto tale anche essere respinta) NON la legge. Dopo aver sbagliato il tempo, ha aggiustato il tiro tirando in ballo la prassi; ovvero, sarebbe prassi che il contributo previsto dalla legge per i morti sul lavoro venga esteso anche ad altre contingenze. Volendo essere più chiari: faccio una legge e non la osservo strettamente, la applico come voglio, la manipolo a mio uso e consumo fino a farla diventare ciò che desidero, la interpreto, la estendo e insomma…me ne infischio e la disattendo.
In pratica, ponendo il caso di dieci deceduti non per morte naturale, ci saranno dieci coniugi superstiti e rispettivi figli a ricevere l’obolo gentilmente offerto dalla Regione oppure un bel niente in base alla maggioranza politica del momento o peggio a seconda di come la stessa maggioranza si è svegliata quella mattina. Questo è ridicolo, parossistico e profondamente ingiusto!
Il M5S Pontedera ribadisce che l’unico criterio per la spesa e l’attribuzione dei soldi pubblici a bianchi, neri, gialli, e non ultimi i rossi, debba essere quello della legalità, dell’equità e della giustizia: la legge quindi, estendibile e uguale per tutti, non una fantomatica prassi ad uso e consumo, la quale ben comprendiamo che meglio si presti ad assecondare gli interessi o placare gli umori del momento.
Siate credibili, combattete i vostri spettri con politiche efficaci, serie e concrete che siano anche altro rispetto alle fiaccolate, piantatela di usare il razzismo come spot, non paga….cooperative escluse si intende!

Movimento 5 Stelle Pontedera

 

 

 

Share

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *