Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!
TRASPARENZA
Stato e cittadini , tasse e bilancio / 22 Dicembre 2018

Nell’ultimo Consiglio Comunale abbiamo votato a favore di una variazione di bilancio per consentire all’Amministrazione Comunale di ricevere il contributo regionale di € 30.000,00 per la realizzazione della mostra presso il PALP di Galileo Chini “Orizzonti d’Acqua”. Poiché per la realizzazione di detta mostra sono stati stanziati ulteriori 10.000 euro da parte del Comune, il M5S di Pontedera, nell’ottica di un’assoluta trasparenza comunica che  ha chiesto attraverso un accesso agli atti, copia del bilancio della Fondazione per la Cultura di Pontedera. Considerando che per la fruizione della mostra è previsto un biglietto intero di 8 euro  e 6 euro per le riduzioni, pensiamo che sia doveroso per i cittadini sapere come vengono spesi i loro soldi. Per questo motivo, siamo soddisfatti dell’approvazione della legge “Spazza corrotti” fortemente voluta dal M5S e che attendevamo da anni, che tra le altre cose applicherà per le fondazioni, associazioni e comitati, gli obblighi in materia di trasparenza e rendicontazione stabiliti per i partiti o movimenti politici. M5S Pontedera

Share

Le voci dei cittadini contrari all’ampliamento della discarica di Legoli 2011 – 2015

Lunedì 10 aprile – ore 21:30 Cinema Agorà Via Valtriani 20 – Pontedera (PI) – ingresso libero Con l’ultimo ampliamento, la discarica di Legoli (Peccioli, PI) ha raggiunto l’invidiabile primato della più grande discarica regionale e si è assicurata la possibilità di estendere la propria “attività industriale” per i prossimi 25-30 anni. Uno dei fattori chiave che ne hanno decretato il “successo” è la scarsa densità abitativa del territorio in cui sorge, e dunque la relativa facilità della politica a contenere il dissenso locale che inevitabilmente incontrano impianti di questo tipo. Il secondo fattore è l’abilità con cui gli amministratori di Peccioli, che l’hanno gestita ininterrottamente per 30 anni, hanno saputo coltivare nel tempo un’immagine edulcorata della discarica, reinvestendo una parte considerevole degli utili in varie forme di  propaganda mediatica, a livello locale, regionale e nazionale. Il risultato è che oggi la discarica di Peccioli viene percepita dal grande pubblico come un esempio positivo di coniugio tra I’attività di smaltimento rifiuti, il rispetto per l’ambiente e il ritorno economico per la comunità che la ospita. In realtà le cose sono un po‘ più complesse di come appaiono e questo documentario apre uno spaccato inedito su un punto di vista alternativo…

Share

Trasparenza…..? A parole!

In data 11/10/16 il nostro capogruppo Andrea Paolucci ha presentato in comune richiesta di attivazione delle credenziali di accesso di sola lettura ai sistemi informatici gestionali del comune. Abbiamo ricevuto la risposta dall’amministrazione il giorno 23 dicembre, proprio il giorno prima il TAR per la Toscana si era espresso in maniera sfavorevole ad una analoga richiesta di un altro consigliere del M5S. Naturalmente la risposta del sindaco si rifaceva a tale sentenza, citando nella sua risposta le stesse motivazioni. Non ci siamo dati per vinti ed abbiamo presentato nel mese di gennaio ricorso al difensore civico contro il diniego dell’amministrazione comunale. Nel giro di pochi giorni abbiamo ricevuto risposta positiva. Ad un nuovo appuntamento questa volta alla presenza del segretario comunale dott.ssa Picchi e del dott. Fatticcioni, dello staff del sindaco, i quali non hanno tenuto conto del giudizio espresso dal Difensore Civico che suggerisce di attivare l’accesso diretto ai consiglieri comunali tramite l’utilizzo di apposita password al sistema informatico dell’ente, ribadendo nuovamente la netta opposizione ad attivare le credenziali. L’accesso agli atti amministrativi è regolata da varie norme che negli anni sono diventate molto flessibili per favorire il rapporto diretto tra cittadini ed istituzioni e garantire la massima trasparenza….

Share

Qui la cosa puzza…

Riceviamo dal Comitato NO BIOGAS e volentieri pubblichiamo: “Nel solito silenzio generale i cittadini di Pontedera hanno ricevuto una letterina, dove oltre ad alcune informazioni riguardanti la TARI nelle ultime tre righe si informava, en passant, della convocazione della prima conferenza dei servizi che dovra’ istruire la pratica per l’autorizzazione definitiva del gassificatore di rifiuti organici che la Geofor vuol fare a Gello e per la quale ha ottenuto l’autorizzazione dalla Provincia nel lontano Febbraio 2011 (Determina 534 del 10/02/2011). La conferenza dei servizi, per spiegarlo ai piu’, e’ una riunione dove tutti gli enti che devono dire la loro su un determinato progetto si trovano e espongono i loro pareri. La prima (o le prime) sono dette “istruttorie”, perche’ servono a raccogliere le informazioni e chiedere eventuali integrazioni al proponente, l’ultima e’ detta “decisoria” perche’ emana il provvedimento finale che di solito, salvo casi estremi, e’ un’ autorizzazione con alcune prescrizioni da osservare. Nel caso del gassificatore di Gello la prima conferenza c’e stata il 14 Aprile, ma fu deciso di aggiornarla al 20 Aprile scorso in considerazione della complessita’ dell’ intervento. In poche parole non e’ bastata una, e nemmeno due, visto che al termine della seconda conferenza…

Share

LA NOSTRA PROPOSTA E’ DIFFERENTE!!!
tasse e bilancio / 13 Gennaio 2016

Come Movimento 5 Stelle riteniamo che una più concreta e meno iniqua forma di aiuto per i cittadini in difficoltà poteva venir attuata dalla presentazione di un regolamento che in base all’articolo 24 della legge n. 164 del 2014 portasse all’approvazione del così detto “Baratto Amministrativo”, peraltro già  approvato in molte amministrazioni locali toscane e non anche a maggioranza Pd. Riteniamo che per quanto estesa possa essere l’adesione ad “io adotto” non sarà mai una misura risolutiva delle morosità incolpevoli dei cittadini in difficoltà con il pagamento dei tributi locali. Nell’ultimo Consiglio Comunale, la maggioranza ha bocciato la nostra mozione sul “baratto amministrativo” con allegato un regolamento di per se già applicabile, con la motivazione che questa fosse parziale, ma  in poche semplici righe vi spieghiamo perché riteniamo che quella dell’assessore Franconi sia invece una proposta parziale e neppure tanto geniale. In prima istanza riteniamo che la riduzione del tributo tari del 50% per l’anno 2016 sia una misura poco efficace nei confronti di chi è moroso e siamo convinti che si possa fare meglio, recuperando tali mancate entrate tributarie da una riduzione della spesa derivante dai lavori svolti dai soggetti volontari che presenteranno progetti e programmi di manutenzione del…

Share

Il Partito degli Affari (loro)

Non e’ facile riassumere la partita che si sta giocando in questi giorni, come al solito in fretta e furia e alla zitta) nei consigli comunali dell’ ATO costa, ma e’ necessario provarci perche’ i cittadini sappiano con certezza i motivi per i quali i prossimi anni non solo si ritroveranno una TARI piu’ salata e un servizio peggiore, ma non potranno nemmeno andare a lamentarsi dal sindaco. Stabiliamo intanto un principio fondamentale: quello che determina l’importo piu’ alto o piu’ basso della tariffa e’ la proprieta’ di inceneritori e discariche. Confrontando i costi di gestori piu’ o meno grandi come HERA, A2A, IREN, ma anche COGEME-LGH, Econord e altri con la nostra Geofor, abbiamo dimostrato che piu’ si hanno inceneritori e discariche e piu’ i costi di gestione sono salati. A questo punto i nostri amministratori diranno che RETI ambiente (il gestore unico che prendera’ il posto di Geofor) non possiede impianti ed e’ vero, infatti utilizzera’ in convenzione quelli di Geofor Patrimonio. Ma di chi e’ Geofor Patrimonio? Dei Comuni!! Esattamente come lo era Geofor! Quindi non cambiera’ nulla rispetto a prima perche’ i cittadini pagheranno il servizio di raccolta (fatto da RETIAmbiente nel quale confluira’ Geofor) gli…

Share