Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!
Basta Abusi – Basta Usi
Partecipazione , Rete libera / 15 Novembre 2016

Nella famosa lettera di Matteo Renzi inviata agli Italiani all’estero, per invitarli a votare SI nel prossimo referendum costituzionale del 4 dicembre, è stato fatto un piccolo ma significativo refuso. Sulla prima facciata del volantino  il link al sito della campagna è sbagliato. È stata dimenticata una ‘N’, ed ecco che la scritta che avrebbe dovuto rimandare al sito del comitato ‘Basta un Sì’, si è trasformata in “www.bastausi.it“. A questo punto l’errore è servito al più veloce della rete a registrare il dominio errato “www.bastausi.it” e a farne un redirect sul sito di un comitato per le ragioni del NO (http://www.costituzionebenecomune.it/). Ma a questo punto ci sorgono spontanee alcune domande. Ma, nella lettera inviata questo sarà stato un errore di battitura o un errore freudiano ? Forse l’autore voleva veramente insinuare un uso o un cattivo uso (ovvero un abuso) di Potere, di Poltrone e Poste ? Forse l’autore originale, visto l’uso e l’abuso di una posizione istituzionale, non ritiene etico e accettabile l’influenza che questa può avere sul cittadino ? Cogliamo inoltre l’occasione per invitarvi a visitare anche i seguenti link al fine di votare consapevolmente e di votare NO. Il sito del “Comitato per il NO” http://www.comitatoperilno.it/…

Share

Digressione

“Per informare non influenzare.” Questa è una delle più recenti menzogne che la Rai sta propinando al cittadino. Per esempio: nei video “Che cos’è l’Europa” e “l’Europa una Nazione nata per la pace” spaccia la CECA Comunità Europea Carbone e Acciaio nata nel 1951 come un nucleo di sei nazioni fondatrici che miravano a portare la pace in Europa. La Francia, tra le nazioni vincitrici della 2° guerra mondiale, per usare le miniere di carbone dislocate al confine con la Germania, dovette fare un patto con essa, vessata dai limiti imposti dalle nazioni vincitrici, concedendole dei pezzi di sovranità (quelli che oggi la Germania grazie al tradimento dei vari Monti, Letta, Renzi sta giorno dopo giorno togliendo all’Italia) che l’uscire sconfitti da un conflitto mondiale gli aveva tolto. A questo patto aderì anche l’Italia che, vista la dislocazione delle miniere, di interessi economici nulla aveva, ma essendo anche lei uscita sconfitta dal conflitto mondiale ed emarginata dagli stati vincitori che la consideravano a livello di un paria, riusciva così a staccarsi da essi ed in particolare dal Regno Unito. In pratica un altro patto d’acciaio, quello che ha portato alla seconda guerra mondiale, che di poetica ricerca dell’unità europea nulla…

Share

Chi fa da se’, fa per tre

Se questo è il trattamento che la stampa locale ci riserva quando si occupa di noi, molto meglio quando sceglie di non pubblicarci (quasi sempre). L’articolo pubblicato oggi su La Nazione non solo differisce macroscopicamente dall’originale ma ne stravolge completamente il senso. Della replica ad un commento prevenuto ed a mio avviso infondato firmato dal giornalista Mannucci, nemmeno l’ombra. I tagli non rispondono ad esigenze di impaginazione: è infatti evidente come il pezzo pubblicato sia addirittura più lungo dell’originale; tutto modificato…a partire dal titolo. Come se non batasse, il tutto farcito di errori anzi orrori di ortografia grossolani: Toncelli diventa Tondelli su tutto l’articolo, la colazione immagino sia la coalizione, un etologo cambia mestiere e diventa un etnologo. Al di là dei refusi, ritengo che stravolgere ciò che qualcuno scrive significhi una cosa sola: MANIPOLARE L’INFORMAZIONE!!! E io non ci sto! Vengono addirittura riportate tra virgolette parole mai pronunciate né tantomeno scritte. Iniziamo male, anzi, malissimo. E’ l’ennesima prova che non possiamo fidarci di loro: se sono capaci di alterare cosi’ platealmente articoletti di questa portata, e’ ovvio che le questioni importanti e gli argomenti scottanti potremo dimenticarceli perche’ saranno sistematicamente baipassati! Poiche’ noi desideriamo o meglio, pretendiamo che la…

Share

i Grilli entrano in Comune (e si vede subito)

Increduli, dopo aver letto sulla Nazione l’articolo a firma di Mario Mannucci, non possiamo che esprimere tutta l’amarezza e il rammarico dovuto a simili esternazioni. Il giornalista scrive infatti “…Ora arrivano i grillini e ne vedremo il comportamento mentre le opposizioni serie e decise quanto composte nello stile Pandolfi e Puccinelli gia’ si conoscono”. Iniziamo a conoscerci subito. Non siamo animali dei quali un etologo dovrà osservare il comportamento: siamo persone al servizio dei cittadini e solo a loro spetterà valutare. Come si possono catalogare così le persone: seri e non seri, decisi o incerti, composti e scomposti, se non con una immotivata ostilità e prevenzione che emerge evidentissima?! State sereni! Non tradiremo la fiducia della gente: l’opposizione oltre che seria, decisa e composta sarà rigorosa, attenta, intransigente ed esclusivamente nell’interesse e a garanzia di tutti cittadini. Di questo la coalizione che ha sostenuto Millozzi è ben consapevole: dev’essere per questo che ieri nell’atrio di Palazzo Stefanelli siamo stati circondati da un’orda chiassosa al grido di “Chi non salta un grillino è! Noi non abbiamo grilli per la testa!” (Il giornalista gradisce questo stile?) Lo sappiamo: loro nella testa hanno poltrone, partecipate, doppi e tripli incarichi e anche i grilli:…

Share

Un nuovo inizio

Eccoci qua. Freschi freschi (si fa per dire) dopo la maratona elettorale che ci ha visto correre per la prima volta al consiglio comunale. E c’e’ da dire che possiamo ritenerci soddisfatti: Oltre 1800 Pontaderesi stanno sostenendo il Movimento, e questo ne fa la prima forza di opposizione in citta’. In particolare abbiamo notato il risultato nelle sezioni di Treggiaia, dove abbiamo sfondato quota 17% e nelle sezioni de La Borra (quindi anche Gello e S. Lucia) dove abbiamo superato il 16. Questo ci lascia supporre che i cittadini di queste frazioni non siano particolarmente contenti dell’ amministrazione in carica, e quindi ci metteremo subito al lavoro per capire come possiamo aiutarli. Abbiamo moltissimo da imparare, soprattutto abbiamo da imparare tutti i trucchi della macchina amministrativa, le prassi, le consuetudini che spesso contano piu’ delle stesse leggi. Ci metteremo a studiare, e vi renderemo conto di ogni cosa che faremo, come ci siamo impegnati a fare nel nostro programma. Ogni sei mesi faremo una rendicontazione pubblica del lavoro svolto, e se i cittadini non saranno soddisfatti potranno chiedere che i consiglieri siano rimpiazzati. Vi invitiamo a partecipare e a chiedere ai nostri consiglieri per qualsiasi cosa, ma soprattutto, vi esortiamo…

Share

E ora si fa sul serio!

Domani pomeriggio, in Piazza Cavour faremo la nostra agora’ di chiusura della campagna elettorale. Dovremo farla domani perche’ venerdi le piazze adibite ai comizi sono gia’ tutte occupate, in compenso venerdi mattina saremo al mercato in mezzo ai cittadini e chiederemo a loro cosa e’ rimasto di questo periodo e se effettivamente abbiano qualche informazione in piu’ o se abbiano sempre la sensazione di trovarsi in mezzo alle sabbie mobili. In questo mese abbiamo imparato molte cose: abbiamo imparato prima di tutto che la legge non e’ uguale per tutti (bella scoperta, direte), e che se hai soldi e potere puoi farti beffe di leggi e regolamenti, ad esempio di quello sulla par condicio elettorale. Potremmo agevolmente dimostrare che i giornali locali (Tirreno e Nazione in testa) hanno platealmente disatteso tutte le norme in materia, ma anche ove vincessimo, ormai il danno l’abbiamo subito, e sarebbe comunque una vittoria di Pirro, che ci farebbe perdere ulteriormente tempo. No. E’ meglio entrare in Comune e tirar fuori da subito tutto quello che per troppo tempo e’ rimasto nei cassetti e negli armadi. Aprire le finestre e dare aria. Abbiamo imparato che il potere tenta in tutti i modi di distruggere (o…

Share

Parliamo di cose serie

Oggi torniamo a parlare del nostro programma, affrontando la questione spinosa dell’ Unione Valdera, il carrozzone creato ad hoc dal PD per bypassare il patto di stabilita’ imposto dallo Stato ai Comuni. il PD intende “blindare” l’adesione dei comuni all’unione Valdera, facendo in modo che uscirne sia ancora piu’ difficile di adesso, quindi praticamente impossibile. E’ sempre la stessa tattica: quando capiscono di avere sbagliato, negano tutto e mettono in salvo il bottino.   Cerchiamo di spiegare innanzitutto cos’e’ e come funziona: L’Unione Valdera è un ente territoriale di secondo livello (più avanti vedremo ciò che comporta) come previsto dal’Art.32 del T.U.E.L. Testo Unico Enti Locali che recita: 1 .) L’unione di comuni è l’ente locale costituito da due o più comuni, di norma contermini, finalizzato all’esercizio associato di funzioni e servizi. 2.) Ogni comune può far parte di una sola unione di comuni. Le unioni di comuni possono stipulare apposite convenzioni tra loro o con singoli comuni. 3.) Gli organi dell’unione, presidente, giunta e consiglio, sono formati, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, da amministratori in carica dei comuni associati e a essi non possono essere attribuite retribuzioni, gettoni e indennità o emolumenti in qualsiasi forma…

Share

Tutti in piazza!

I partiti hanno i finanziamenti pubblici. i partiti hanno giornali, radio e televisioni. I partiti hanno la possibilita’ di negare l’accesso alle informazioni e impedire la partecipazione dei cittadini. I partiti (in particolare il PD) usano spudoratamente gli spazi comuni per farsi campagna elettorale, in palese violazione della legge. I partiti promettono favori in cambio di voti. Noi no. Noi abbiamo solo la piazza e la rete. Per questo  il M5S Pontedera, ha organizzato per sabato 10 Maggio un agorà pubblica che si svolgerà in Piazza Curtatone a Pontedera a partire dalle ore 16. Agorà che vedrà la partecipazione dei parlamentari : Alfonso Bonafede , vicepresidente commissione Giustizia, Massimo Artini vicepresidente commissione difesa. Parteciperanno i candidati toscani al parlamento Europeo Marco Di Gennaro, Matteo Della Negra, Silvia Fossi e Cristiano Ripoli. Saranno presentati i candidati al Comune di Pontedera, con interventi tematici e la possibilita’ da parte del pubblico di fare domande sia ai parlamentari che ai componenti della lista per le comunali. In caso di pioggia la manifestazione si terra’ ugualmente, vista la possibilita’ di spostarsi sotto le logge dove una volta c’era il Tribunale. E’ importante la massima partecipazione. Non e’ un comizio a senso unico, avrete la…

Share

L’informazione e’ tutto!

Una Stella di primaria importanza nel MoVimento 5 Stelle Pontedera è quella della connessione libera e gratuita in città. Ad onor del vero c’è stato un timido passo in tal senso dalle precedenti amministrazioni, ma se non proprio fallimentare e stato un passo poco utile. Il MoVimento 5 Stelle Pontedera propone, se non proprio a tutte le zone e frazioni, il wi-fi 24h almeno nel centro città. Questo può sembrare, a prima vista, una cosa superflua se non addirittura inutile; ma se ci pensiamo bene molti atti nel quotidiano sono fruibili (alcuni anche esclusivamente) tramite internet. Non solo ma anche una conoscenza condivisa è motivo di arricchimento personale e sociale. Pertanto il MoVimento 5 Stelle Pontedera propone di: creare appositi corsi di alfabetizzazione informatica per anziani, disabili, o cittadini che ne abbiano bisogno; obbligo di risposta da parte dell’amministrazione comunale alle mail dei cittadini entro due giorni dalla ricezione questionari on-line (di carta se ne stampa anche troppa) sul gradimento dell’operato dell’amministrazione e recepimento di eventuali consigli migliorativi accesso a tutti i servizi digitali del comune da parte del cittadino e, se possibile, migliorarli e ampliarli, con la digitalizzazione di ogni documento prodotto dal Comune e l’informativa personale via posta…

Share

Democrazia diretta, questa sconosciuta

Quante volte vi siete scontrati con decisioni calate dall’alto, prese in fretta e furia con la scusa dell’ “interesse superiore”, senza un’adeguata consultazione preventiva e soprattutto senza le informazioni sufficienti per poter decidere? Pontedera e’ piena di esempi di questo tipo: a partire dalla buffonata del Piazzone da basket, per arrivare a cose molto piu’ serie come la pianificazione urbanistica e la viabilita’, il gassificatore di rifiuti, la gestione dei beni pubblici (acqua, trasporti, energia). Da sempre il cittadino viene preso in considerazione solo ed esclusivamente al momento delle elezioni poi, come da prassi, il niente. Ogni decisione più o meno importante viene “calata dall’alto” senza che qualcuno abbia la possibilità di opporsi o anche dichiararsi a favore: “si fa e basta!!!” Quante volte abbiamo sentito queste parole e sono state percepite da tutti come un abuso, una forzatura, una ingiustizia. Noi intendiamo ribaltare questa logica, e questi sono gli strumenti che intendiamo usare: Il MoVimento 5 Stelle Pontedera propone qualcosa non di eversivo o rivoluzionario ma di “buon senso”. Noi vogliamo l’introduzione degli strumenti di democrazia partecipata quali: 1) Consultazioni senza quorum per attuazione o meno di progetti di alta rilevanza ambientale, sociale o economica nel Comune (se voti…

Share