Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!
QUOTA 100
lavoro / 15 Febbraio 2019

Concordiamo pienamente con quanto riportato sugli organi di stampa dal rappresentante CGIL in comune. Finalmente, nonostante i detrattori, i provvedimenti adottati dal governo iniziano a produrre frutti; non ricordiamo, a memoria,  da quanto tempo non venisse messa a bando una tale richiesta di assunzioni. Riteniamo “Quota 100” una fondamentale misura per un doveroso ricambio generazionale sia nella PA sia nel privato. Riteniamo altresì  giusto iniziare a dare sicurezza e una visione più ottimistica del futuro proprio e della propria famiglia. Come  giustamente,  riportato dal rappresentante sindacale auspichiamo (come sempre del resto) una reinternalizzazione di figure nelle competenze delle manutenzioni continuando nella doverosa opera di miglioramento del servizio e della “qualità della vita” dei lavoratori e delle loro famiglie. M5S Pontedera

Share

POICHE’ PARLIAMO E SAPPIAMO QUEL CHE DICIAMO…
denuncia , lavoro / 11 Gennaio 2019

PRispondiamo molto volentieri e punto per punto all’intervento del Sindaco Millozzi in occasione della giornata di protesta degli Assistenti Sociali della SdS zona Valdera. Da quanto riferito nella lettera aperta inviata alla stampa il confronto tra Amministrazione Comunale era, da tempo, stato richiesto dai lavoratori in sciopero ma non era stato  accolto fino a quando tali lavoratori e tali lavoratrici non sono arrivati alla decisione di scioperare e manifestare davanti il Comune . appare di tutta evidenza che , a questo punto, il Sindaco richieda alla Cooperativa AGAPE di partecipare al confronto Sul tema posto dai lavoratori relativo alla “svendita dei Servizi Sociali” , che il Sindaco Millozzi rifiuta ritenendolo fuorviante e inappropriato, sottolineando di avere investito moltissimo nei Servizi Sociali, riteniamo necessario fare un pochino di chiarezza: il mantenimento dei servizi ai cittadini e alle famiglie in difficoltà è compito dell’istituzione pubblica e, a nostro avviso, non può e non deve essere delegato a privati o cooperative. Laddove questo servizio sia stato garantito, esso non può essere garantito sulla pelle dei lavoratori. La questione della riduzione delle risorse ,che viene utilizzata dal Sindaco come argomento a sostegno delle proprie scelte, non giustifica affatto il ricorso a rapporti di lavoro…

Share

SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI AGAPE
denuncia , lavoro / 9 Gennaio 2019

Solidarietà ai lavoratori AGAPE Non è la prima volta che mettiamo sotto la lente di ingrandimento l’ormai annoso problema delle esternalizzazioni e degli appalti di servizi nella Pubblica Amministrazione. Abbiamo letto attentamente il comunicato degli Assistenti Sociali dipendenti della Cooperativa Sociale Onlus AGAPE e, pertanto, non possiamo che esprimere loro la nostra completa solidarietà. A tale proposito vorremmo portare alla luce alcune considerazioni. Innanzitutto ci piacerebbe sapere per quale motivo il Sindaco Millozzi, in veste di presidente della Società della Salute, non abbia ritenuto opportuno confrontarsi con il personale da cooperativa nonostante le molteplici richieste di incontro. Riteniamo che sarebbe stato suo dovere ricevere  e ascoltare le loro rimostranze e, perché no, provare a mediare tra azienda e lavoratori per scongiurare la protesta che si va delineando. Lo stesso discorso vale per l’azienda che ha disertato l’incontro (che, se possibile, è anche peggio). Altra cosa che ci lascia sempre più perplessi è il continuo ricorso all’esternalizzazione dei servizi non solo di pulizia e manutenzione ma anche, cosa ben più grave, quelli relativi ai Servizi Sociali; servizio istituzionale con ruolo di tutela (basta vedere il rapporto con il Tribunale dei Minori). La presupposta “convenienza” della esternalizzazione (smentita ormai da tutti e…

Share

IL POLO DEL RIUSO RIMANE UNA CHIMERA
lavoro , Rifiuti Zero / 19 Dicembre 2018

Abbiamo appreso recentemente dalle cronache locali della necessità espressa all’amministrazione da parte di alcune associazioni presenti sul nostro territorio rispetto all’esigenza di costituire un polo per il riuso. Riteniamo doveroso far emergere che il Movimento 5 Stelle aveva raccolto e sviluppato questa idea arrivando a presentare una mozione che fu dibattuta nel consiglio comunale in data 28 novembre 2016. Come e più di allora, siamo coscienti che una strada da percorrere per abbattere i conferimenti in discarica, sia quella di avviare un’attività di promozione del riuso in grado di trasformare il rifiuto in risorsa. Sottolineavamo nel 2016 e rimarchiamo adesso come la costituzione di un centro del riuso e del riciclo sul territorio comunale possa avere una duplice funzione: tutela dell’ ambiente ed ecologica da un lato, sociale dall’altro, andando a creare nuove occasioni di impiego per cittadini per più ragioni temporaneamente o stabilmente esclusi  dal mondo del lavoro; non ultimo evidenziamo l’importanza della condivisione di esperienze e del know how che riteniamo indispensabile per le generazioni future affinché la cultura e il valore economico e sociale del riuso possano trovare una ragione d’essere nell’attuale società usa e getta della quale ben conosciamo i limiti.  Sono trascorsi due anni e…

Share

CONDIVIDIAMO APPELLO CGIL COMUNALE
denuncia , lavoro / 10 Novembre 2018

Rispondiamo volentieri all’appello mezzo stampa del rappresentante CGIL comunale Nicola Bernardeschi. La problematica che solleva sull’esternalizzazione di servizi e competenze da parte dell’amministrazione e la  relativa critica è da parte nostra sentita e condivisa. Come Movimento 5 Stelle riteniamo che questo passaggio di competenze a soggetti privati non abbia portato in molti casi nè a un risparmio né  a un miglioramento del servizio, anzi in alcuni settori il peggioramento è stato evidente negli anni. Sono evidenti le carenze se non la assoluta mancanza di manutenzione in alcune scuole, parchi, cimiteri, strade e piste ciclabili della città e gli esempi sull’argomento si sprecano. L’aumentare di posizioni dirigenziali ed organizzative all’interno della macchina comunale, dovrebbe  in teoria aumentare l’efficienza degli interventi e dei controlli sui servizi erogati, è palese che a Pontedera questo non avviene e il perdurare di questa situazione  di inefficienza va a discapito dei cittadini. Lo stato della macchina comunale è preoccupante, gli effetti sono sotto gli occhi di tutti, nella vita di tutti i giorni e nei molteplici post sui vari social dei nostri concittadini, lo stato delle cose va cambiato e noi ci proponiamo di farlo se da Maggio prossimo saremo alla guida della città. I vari…

Share

NESSUNO RESTI INDIETRO
lavoro / 2 Agosto 2018

  EX LAVORATORI TMM, GALLETTI (M5S): “Nessuno resti indietro!”. Approvata mozione in Consiglio regionale per sostenere tutti gli ex dipendenti TMM. “Apprendiamo con soddisfazione in questi giorni che la Regione Toscana ha dato la sua disponibilità ad andare incontro tramite corsi di formazione ad alcuni ex operai della TMM di Pontedera che nei prossimi giorni costituiranno una cooperativa. E’ straordinario come questi operai, licenziati dalla TMM, siano riusciti anche con l’aiuto dei sindacati a reagire in modo così volenteroso ed a diventare artefici del proprio destino. Alla Regione Toscana, con la nostra mozione approvata oggi in Aula consiliare, chiediamo di proseguire nel lavoro di sostegno agli ex lavoratori dell’azienda TMM di Pontedera e di estenderlo agli ex lavoratori TMM non rientranti in suddetta cooperativa, prevedendo equivalenti forme di sostegno formativo e non anche a loro. E’ importante che  nessuno resti indietro e che tutti abbiano gli aiuti di cui hanno bisogno in pari misura. Ci auguriamo di vedere la stessa attenzione ed efficacia per tutti i lavoratori di aziende grandi e piccole della  nostra regione”. Irene Galletti, Consigliera regionale Movimento 5 Stelle    

Share

ANCORA SULLA TMM!!
lavoro / 20 Giugno 2018

    Apprendiamo dalla stampa che ai lavoratori in presidio permanente, dopo essere stati licenziati  dall’ azienda TMM di Pontedera, è stato chiesto un risarcimento danni per un milione di euro per aver impedito il libero accesso allo stabilimento. Ci schieriamo dalla parte dei lavoratori che oltre ad aver perso il posto di lavoro, a causa della delocalizzazione portata avanti dalla Piaggio, come abbiamo già ribadito in altri nostri interventi, si trovano a dover subire anche questa ingiustizia e a doversi difendere nelle aule dei tribunali, per aver intrapreso azioni   atte a difendere il diritto al lavoro. Come Movimento  5 Stelle di Pontedera, abbiamo già contattato i nostri portavoce in Parlamento della commissione Lavoro, perché mettano al centro dei loro prossimi lavori questa vicenda assurda. Non si può e non si devono calpestare i diritti dei lavoratori, dopo le tante battaglie portate avanti nel corso degli anni, non si può e non si deve tornare indietro ed abbassare la testa davanti a tanta arroganza. I danni dovrebbero chiederli i lavoratori che sono stati privati da un giorno all’altro dello stipendio e della dignità di poter contribuire al sostentamento della famiglia.   Movimento 5 Stelle Pontedera

Share

SINDACALISTI E IMPRENDITORI TARGATI PD
lavoro / 9 Febbraio 2018

La risposta dei segretari PD al nostro articolo sulla passerella elettorale del ministro Fedeli alla TMM ci lascia molto perplessi. In una vicenda dove escludendo i lavoratori, si stanno giocano i loro diritti fondamentali, le varie parti in causa sono targate Partito Democratico, dai sindacati alla Piaggio unico cliente dell’azienda, ci pareva grottesco che il ministro Poletti (PD) manco conoscesse la TMM, forse il governo regionale (PD) ha avuto problemi a informarlo o Rossi era troppo impegnato a inaugurare stabilimenti Piaggio in Vietnam come nel 2012, o forse la Fedeli (PD) come Ministra dell’istruzione è più competente in  materia del Ministro del lavoro, non lo sappiamo ce lo devono dire loro. Se il segretario PD Sonetti intende come ”fare sistema”   essere vicini ai lavoratori con sindacati ed enti locali (PD) e agli imprenditori (PD) con Regione(PD) e Governo (PD) libero di crederlo, hanno il monopolio della questione e tengono i piedi in tutte le staffe, a chi andavano chieste risposte? Se sono veramente vicini alle aziende dell’indotto Piaggio, se parlano con i loro imprenditori, o dipendenti o con i dipendenti di Piaggio stessa, sanno bene che ormai da anni l’azienda che è stata il pilastro della nostra economia attua una…

Share

PASSERELLA ELETTORALE
lavoro / 5 Febbraio 2018

  Il PD continua a fare campagna elettorale sulla pelle dei lavoratori. Dopo aver permesso alla Piaggio di delocalizzare nei paesi asiatici quasi tutte le produzioni, garantendogli nel contempo di poter sfruttare  gli ammortizzatori sociali, il cui costo ricade su tutti noi, per gli operai che vengono periodicamente tenuti a casa. La Piaggio, però continua a fare utili e a staccare dividendi da distribuire ai soci aumentando i ricavi rispetto agli anni precedenti, alla faccia dei lavoratori. Vogliamo ricordare che Roberto Colaninno  presidente della Piaggio, è padre di Matteo parlamentare del PD nonché responsabile economico del partito che della Piaggio  è il vice . L’altro figlio è Michele nonchè consigliere come lo è pure l’ex ministra Maria Chiara Carrozza anch’essa del PD. Troviamo molti esponenti PD all’interno della Piaggio, ed è la Piaggio che ha annullato gli ordini delle marmitte alla TMM preferendo delocalizzare in Asia per abbassare i costi ed aumentare gli utili, incurante del destino degli operai. Si, la Piaggio ha delocalizzato le produzioni in Asia laddove il presidentissimo Enrico Rossi inaugurò una fabbrica di motori in Vietnam, dichiarandola un buon esempio di internalizzazione!! Pare che il PD locale invece, si dimentichi o faccia finta di ignorare le…

Share

Partecipa. Scegli. Cambia.

Per raccontare e spiegare a tutti il nostro programma per la qualità della vita degli italiani faremo un tour che girerà tutta l’Italia e Venerdì 02/02/18 questo tour farà tappa a Pontedera. Venerdì 19/02 abbiamo depositato i venti punti del programma di governo del MoVimento 5 Stelle. Ci sono le nostre priorità. Il taglio delle 400 leggi inutili in questo Paese, poi l’obiettivo di Italia smart nation, dunque investimenti per nuove opportunità di lavoro, nuove tecnologie, internet delle cose, auto elettriche e digitalizzazione della pubblica amministrazione. Un pilastro fondamentale è il reddito di cittadinanza, che include anche la pensione di cittadinanza. C’è poi il comparto fisco, con l’abbassamento delle tasse per migliorare la qualità della vita grazie al taglio degli sprechi. E ancora sicurezza, legalità, stop al business dell’immigrazione e tutela dei risparmi dei cittadini. Quindi il supporto alle famiglie, la banca pubblica per gli investimenti, la lotta a corruzione, mafie e conflitti d’interesse. Fra i venti punti ci sono pure il superamento della buona scuola, la valorizzazione e tutela del made in Italy, investimenti sulla green economy, senza dimenticare il superamento della legge Fornero e l’obiettivo di una giustizia rapida, equa ed efficiente. Metteremo 50 miliardi nei settori strategici fra innovazione, energie rinnovabili, manutenzione del…

Share