Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!
CARO ASSESSORE….

Vorremmo rispondere alla veloce replica dell’assessore Matteo Franconi, a proposito ci piacerebbe la stessa velocità per la consegna degli atti richiesti, per far notare che non viviamo su Marte e siamo consapevoli che quei soldi potevano essere spesi solo per quel progetto e non per altro. E’ Il sistema della gestione delle grandi opere pubbliche che ci lascia perplessi perché toglie risorse alle piccole manutenzioni che sarebbero più utili nella quotidianità dei cittadini. Ma girando appunto per la zona industriale e vedendo tratti della pista ciclabile già deteriorati, (alleghiamo foto) prima di essere inaugurati non possiamo fare a meno di avvicinare tali lavori a quelli della strada di patto. A nostro avviso anche qui sono mancati i controlli non si può spiegare diversamente lo stato della pista ciclabile. Noi 5 stelle saremo forse ingenui o demagoghi ma vorremmo evitare altri successi dell’amministrazione come strada di patto e biblioteca. E viene anche da chiedersi che, se il cantiere dovesse andare avanti ancora per molti mesi, non si può nel frattempo provvedere con il taglio dell’erba? Ci auguriamo, comunque che i lavori procedano speditamente e senza ulteriori rallentamenti e siamo sicuri che il taglio del nastro avverrà sicuramente al momento delle prossime…

Share

E IO PAGO!!!
denuncia / 31 luglio 2017

Un po’ a malincuore e, perché no, anche un po’ disillusi torniamo a scrivere per commentare la situazione relativa alla cosiddetta “Strada di Patto”. Eh sì, per l’ennesima volta l’Amministrazione comunale di Pontedera canta vittoria ma vedremo in seguito se gli sviluppi giudiziari lo confermeranno. In ogni caso è e sarà una vittoria di Pirro. Infatti, tralasciando, per ora, gli aspetti tecnici viene spontanea una semplice considerazione di carattere economico. Per una strada che è costata circa € 9.000.000  e che è stata giudicata affetta da errori di costruzione che riguardano soprattutto il sottofondo, viene valutata in soli € 2.000.000  circa la spesa per il suo ripristino. Ora le cose sono due: o è costata troppo quando è stata realizzata o è irrisorio l’importo stimato per i lavori di risistemazione. Come se non bastasse, il sindaco Millozzi e l’assessore Franconi hanno annunciato che per riaprire un tratto del terzo lotto della strada il costo dell’intervento sarà di circa  € 200.000. Come hanno spiegato sindaco e assessore questo intervento consiste nel rifacimento degli strati sottostanti e del conglomerato bituminoso (asfalto). Ancora una volta saranno i cittadini di Pontedera ad accollarsi la spesa per un intervento del tutto palliativo perché andrà ad…

Share

IL NERVOSISMO E LE BUGIE DEL PD
denuncia / 18 luglio 2017

Siamo rimasti sconcertati dalla risposta dell’assessore Matteo  Franconi al nostro comunicato stampa sulla composizione della commissione di esperti che deve valutare il project financing dell’illuminazione pubblica a Pontedera. Teniamo a precisare che il nostro Consigliere Paolucci non si riteneva affatto soddisfatto della risposta ricevuta in consiglio comunale all’interrogazione, basta rivedere il video dove dice di nutrire ancora seri  dubbi.   Archivio Sedute Consiglio Comunale Pontedera 2017 Per quanto riguarda la questione “esposto di Via Dante” facciamo presente che indipendentemente dall’esito, ci ha fatto piacere che l’amministrazione abbia provveduto, ovviamente dopo la nostra segnalazione, in maniera decisamente celere a sanare (almeno in parte….tanto, evidentemente, ci possiamo permettere) quanto da noi rilevato sull’impianto elettrico. Allo stesso tempo ci ha fatto piacere anche constatare che gli stessi accorgimenti siano stati applicati all’impianto elettrico esterno allestito per la mostra “Arte per non Dormire” presso la Villa Crastan. Vede Assessore Franconi, compito della minoranza consiliare è quello di vigilare sull’operato dell’Amministrazione, soprattutto negli ambiti dove vengono spesi soldi nostri. A proposito….la perizia del CTU sulla Strada di Patto cosa ha evidenziato? Trasparenza per trasparenza….. Movimento 5 Stelle Pontedera      

Share

STRADA DI PATTO(NE)
denuncia / 22 giugno 2017

  Leggiamo che, a giorni, partiranno gli ennesimi lavori di sistemazione del manto stradale per permettere l’apertura di una parte della Strada di Patto. Viene riportato sulla stampa che l’amministrazione  stanzierà € 200.000,00 di soldi “nostri”. Ci permettiamo dissentire in merito: i soldi sono “nostri” nel senso di collettività e che, purtroppo, verranno spesi per provare a risistemare un vero e proprio fallimento nella gestione dei lavori pubblici. Avevamo già scritto in merito alla questione e qui vogliamo ribadire il nostro punto di vista:  riteniamo che siano mancati in toto i controlli sulla “regola d’arte” dei lavori consegnati (e, ovviamente, pagati). Sindaco e Assessore si sperticano in strali quali “non si guarda in faccia nessuno”, “chi ha sbagliato pagherà” e via discorrendo…. Ci chiediamo, però, se le Ditte che hanno avuto in appalto i vari lotti siano ancora in essere o siano sparite come neve al sole (in questo caso….ciao ciao rivalsa) ; come eventualmente risponderà chi ha firmato per gli “avvenuti” collaudi (cominciamo con la restituzione del premio?); ma soprattutto ci chiediamo come si comporteranno Assessore, Dirigente e, non ultimo, Sindaco in caso siano ravvisate responsabilità a loro carico? Restiamo in attesa della perizia del Tribunale. MoVimento 5 Stelle…

Share

SCHIACCIATA INTEGRALE
denuncia / 16 giugno 2017

Leggiamo sulla cronaca locale di un avvenimento che è la prova lampante di come una cosa può avere l’effetto decisamente contrario a quanto voluto. Trattasi della merenda a base di schiacciata e mortadella presso il Centro Sportivo Bellaria dopo una tre giorni sportiva organizzata dall’Istituto Pacinotti. Circa 400 ragazzi si sono dati appuntamento per questa merenda collettiva ma….c’è un ma; alcuni di questi ragazzi (una decina) sono di fede religiosa che non permette loro di mangiare il maiale. Bene qual è il problema? L’intelligenza e il buon senso proporrebbero, al momento delle lamentele dei genitori di quei dieci ragazzi, di prendere la schiacciata e darla vuota oppure trovare qualcos’altro da offrire. Questo lo farebbe l’intelligenza e il buon senso. Invece no!!! Sospensione della mortadella per tutti in barba a chi invece la mortadella l’ha sempre mangiata e gli è sempre piaciuta!!! Come se non bastasse il tutto condito da una circolare del Ministero dell’Istruzione che raccomandava cibo uguale per tutti per “non urtare le sensibilità di nessuno”. Questo fatto ci ricorda perfettamente la figura barbina (siamo educati e non diciamo parolacce) fatta durante la visita del Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran a Roma, quando furono coperte le statue raffiguranti dei…

Share

A PROPOSITO DI SICUREZZA!!!
denuncia / 19 maggio 2017

  I recenti fatti di cronaca, situazioni indecorose e relativamente nuove alla vita di questa città, hanno scatenato dibattiti anche in toni aspri  in ogni piazza fisica e virtuale ai quali è seguito uno sfogo a  mezzo stampa del sindaco Millozzi. Un articolo lungo e articolato che condividiamo in alcuni punti, concordiamo con il fatto che la sicurezza urbana è sicuramente uno dei temi più dibattuti in occidente e norme più efficaci devono essere adottate in ambito nazionale ed europeo, infine come non essere solidali con  forze dell’ordine e  magistratura che vedono inficiare il loro operato da un sistema giuridico che sembra tutelare chi delinque, grazie allo smantellamento sistematico della giustizia in Italia perpetrato negli ultimi 25 anni dai vari governi di destra e sinistra. Detto questo un paio di appunti a sindaco e giunta vorremmo farli, per prima cosa il miglior metodo per sconfiggere una malattia è diagnosticarla, infatti per due giunte Marconcini e per più di un mandato dell’odierno sindaco, i sintomi sono stati ignorati, anzi negati con veemenza, sino ad arrivare a una  denuncia per procurato allarme verso gli ignoti spacciatori di terrore e calunnie che animò le cronache un paio di anni fà. Tale atteggiamento, ha…

Share

SPESA CON SPACCIO
denuncia / 14 aprile 2017

A Pontedera capita anche che una tranquilla madre di famiglia vada il sabato mattina a fare la spesa in uno dei negozi di Viale Italia in zona Oltrera e si imbatte in uno spacciatore che consegna tranquillamente la dose di droga ad un cliente per lo sballo del sabato sera. E’ diventata una consuetudine, in maggior misura il sabato mattina, vedere stazionare lungo il marciapiede lo spacciatore che alla vista del cliente attraversa di corsa la strada, lo abbraccia, si danno la mano e avviene lo scambio della dose e del denaro. All’occhio distratto della maggior parte delle persone, questo mercatino potrebbe sfuggire, ma non ai residenti della zona e ai negozianti che sono stufi di assistere quotidianamente allo spaccio di sostanze stupefacenti. Le persone anziane e le donne sono spaventate e non si sentono più al sicuro nel loro quartiere; la polizia è informata di tutto ma  non interviene o lo fa quando è troppo tardi. Cosa vogliamo fare, girare la testa dall’altra parte o intervenire? Il sindaco quale responsabile della sicurezza dei cittadini, come  previsto dal Decreto del Ministero dell’Interno del 05/08/2008, che attribuisce poteri speciali ai sindaci in materia di sicurezza urbana e incolumità pubblica; a nostro…

Share

Le voci dei cittadini contrari all’ampliamento della discarica di Legoli 2011 – 2015

Lunedì 10 aprile – ore 21:30 Cinema Agorà Via Valtriani 20 – Pontedera (PI) – ingresso libero Con l’ultimo ampliamento, la discarica di Legoli (Peccioli, PI) ha raggiunto l’invidiabile primato della più grande discarica regionale e si è assicurata la possibilità di estendere la propria “attività industriale” per i prossimi 25-30 anni. Uno dei fattori chiave che ne hanno decretato il “successo” è la scarsa densità abitativa del territorio in cui sorge, e dunque la relativa facilità della politica a contenere il dissenso locale che inevitabilmente incontrano impianti di questo tipo. Il secondo fattore è l’abilità con cui gli amministratori di Peccioli, che l’hanno gestita ininterrottamente per 30 anni, hanno saputo coltivare nel tempo un’immagine edulcorata della discarica, reinvestendo una parte considerevole degli utili in varie forme di  propaganda mediatica, a livello locale, regionale e nazionale. Il risultato è che oggi la discarica di Peccioli viene percepita dal grande pubblico come un esempio positivo di coniugio tra I’attività di smaltimento rifiuti, il rispetto per l’ambiente e il ritorno economico per la comunità che la ospita. In realtà le cose sono un po‘ più complesse di come appaiono e questo documentario apre uno spaccato inedito su un punto di vista alternativo…

Share

SFIDUCIATI? DA CHI?
denuncia / 30 marzo 2017

TUTT’ALTRO CHE SFIDUCIATI, i consiglieri del Movimento 5 Stelle di Pontedera godono del massimo consenso, stima, e sostegno da parte del meet up di Pontedera, QUELLO VERO, l’unico ad essere autorizzato ad usare il simbolo e ad essere ufficialmente riconosciuto e certificato dal M5S. Che un manipolo di persone si alzino una mattina, si ergano a meet up ed in maniera totalmente autoreferenziale se la cantino e se la suonino non ci scalfisce affatto. Paradossale quanto emblematico che a farlo siano i soliti noti: quotidianamente attivi sui social intenti solo a gettare discredito, sempre presenti nelle varie tornate elettorali, tutti immancabilmente non eletti. Annientati dal verdetto delle urne dove sistematicamente risultano non pervenuti, queste persone hanno dimostrato di non avere minimamente a cuore il Movimento, bensì operano animati da rancori e risentimenti personali mal celati e mai sopiti, disposti a scendere a patti col diavolo in cambio di un pizzico di visibilità. Soggetti frustrati che traggono giovamento unicamente nel danneggiare il lavoro altrui, non meriterebbero risposta, men che meno quel minuto di celebrità che da essa deriva. Replichiamo per l’enorme rispetto che meritano in primis le migliaia di elettori pontederesi, gli attivisti leali e autentici, quelli che svolgono lontano dal…

Share

Trasparenza…..? A parole!

In data 11/10/16 il nostro capogruppo Andrea Paolucci ha presentato in comune richiesta di attivazione delle credenziali di accesso di sola lettura ai sistemi informatici gestionali del comune. Abbiamo ricevuto la risposta dall’amministrazione il giorno 23 dicembre, proprio il giorno prima il TAR per la Toscana si era espresso in maniera sfavorevole ad una analoga richiesta di un altro consigliere del M5S. Naturalmente la risposta del sindaco si rifaceva a tale sentenza, citando nella sua risposta le stesse motivazioni. Non ci siamo dati per vinti ed abbiamo presentato nel mese di gennaio ricorso al difensore civico contro il diniego dell’amministrazione comunale. Nel giro di pochi giorni abbiamo ricevuto risposta positiva. Ad un nuovo appuntamento questa volta alla presenza del segretario comunale dott.ssa Picchi e del dott. Fatticcioni, dello staff del sindaco, i quali non hanno tenuto conto del giudizio espresso dal Difensore Civico che suggerisce di attivare l’accesso diretto ai consiglieri comunali tramite l’utilizzo di apposita password al sistema informatico dell’ente, ribadendo nuovamente la netta opposizione ad attivare le credenziali. L’accesso agli atti amministrativi è regolata da varie norme che negli anni sono diventate molto flessibili per favorire il rapporto diretto tra cittadini ed istituzioni e garantire la massima trasparenza….

Share