Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!
Chi fa da se’, fa per tre

Se questo è il trattamento che la stampa locale ci riserva quando si occupa di noi, molto meglio quando sceglie di non pubblicarci (quasi sempre). L’articolo pubblicato oggi su La Nazione non solo differisce macroscopicamente dall’originale ma ne stravolge completamente il senso. Della replica ad un commento prevenuto ed a mio avviso infondato firmato dal giornalista Mannucci, nemmeno l’ombra. I tagli non rispondono ad esigenze di impaginazione: è infatti evidente come il pezzo pubblicato sia addirittura più lungo dell’originale; tutto modificato…a partire dal titolo. Come se non batasse, il tutto farcito di errori anzi orrori di ortografia grossolani: Toncelli diventa Tondelli su tutto l’articolo, la colazione immagino sia la coalizione, un etologo cambia mestiere e diventa un etnologo. Al di là dei refusi, ritengo che stravolgere ciò che qualcuno scrive significhi una cosa sola: MANIPOLARE L’INFORMAZIONE!!! E io non ci sto! Vengono addirittura riportate tra virgolette parole mai pronunciate né tantomeno scritte. Iniziamo male, anzi, malissimo. E’ l’ennesima prova che non possiamo fidarci di loro: se sono capaci di alterare cosi’ platealmente articoletti di questa portata, e’ ovvio che le questioni importanti e gli argomenti scottanti potremo dimenticarceli perche’ saranno sistematicamente baipassati! Poiche’ noi desideriamo o meglio, pretendiamo che la…

Share

i Grilli entrano in Comune (e si vede subito)

Increduli, dopo aver letto sulla Nazione l’articolo a firma di Mario Mannucci, non possiamo che esprimere tutta l’amarezza e il rammarico dovuto a simili esternazioni. Il giornalista scrive infatti “…Ora arrivano i grillini e ne vedremo il comportamento mentre le opposizioni serie e decise quanto composte nello stile Pandolfi e Puccinelli gia’ si conoscono”. Iniziamo a conoscerci subito. Non siamo animali dei quali un etologo dovrà osservare il comportamento: siamo persone al servizio dei cittadini e solo a loro spetterà valutare. Come si possono catalogare così le persone: seri e non seri, decisi o incerti, composti e scomposti, se non con una immotivata ostilità e prevenzione che emerge evidentissima?! State sereni! Non tradiremo la fiducia della gente: l’opposizione oltre che seria, decisa e composta sarà rigorosa, attenta, intransigente ed esclusivamente nell’interesse e a garanzia di tutti cittadini. Di questo la coalizione che ha sostenuto Millozzi è ben consapevole: dev’essere per questo che ieri nell’atrio di Palazzo Stefanelli siamo stati circondati da un’orda chiassosa al grido di “Chi non salta un grillino è! Noi non abbiamo grilli per la testa!” (Il giornalista gradisce questo stile?) Lo sappiamo: loro nella testa hanno poltrone, partecipate, doppi e tripli incarichi e anche i grilli:…

Share

Un nuovo inizio

Eccoci qua. Freschi freschi (si fa per dire) dopo la maratona elettorale che ci ha visto correre per la prima volta al consiglio comunale. E c’e’ da dire che possiamo ritenerci soddisfatti: Oltre 1800 Pontaderesi stanno sostenendo il Movimento, e questo ne fa la prima forza di opposizione in citta’. In particolare abbiamo notato il risultato nelle sezioni di Treggiaia, dove abbiamo sfondato quota 17% e nelle sezioni de La Borra (quindi anche Gello e S. Lucia) dove abbiamo superato il 16. Questo ci lascia supporre che i cittadini di queste frazioni non siano particolarmente contenti dell’ amministrazione in carica, e quindi ci metteremo subito al lavoro per capire come possiamo aiutarli. Abbiamo moltissimo da imparare, soprattutto abbiamo da imparare tutti i trucchi della macchina amministrativa, le prassi, le consuetudini che spesso contano piu’ delle stesse leggi. Ci metteremo a studiare, e vi renderemo conto di ogni cosa che faremo, come ci siamo impegnati a fare nel nostro programma. Ogni sei mesi faremo una rendicontazione pubblica del lavoro svolto, e se i cittadini non saranno soddisfatti potranno chiedere che i consiglieri siano rimpiazzati. Vi invitiamo a partecipare e a chiedere ai nostri consiglieri per qualsiasi cosa, ma soprattutto, vi esortiamo…

Share

E ora si fa sul serio!

Domani pomeriggio, in Piazza Cavour faremo la nostra agora’ di chiusura della campagna elettorale. Dovremo farla domani perche’ venerdi le piazze adibite ai comizi sono gia’ tutte occupate, in compenso venerdi mattina saremo al mercato in mezzo ai cittadini e chiederemo a loro cosa e’ rimasto di questo periodo e se effettivamente abbiano qualche informazione in piu’ o se abbiano sempre la sensazione di trovarsi in mezzo alle sabbie mobili. In questo mese abbiamo imparato molte cose: abbiamo imparato prima di tutto che la legge non e’ uguale per tutti (bella scoperta, direte), e che se hai soldi e potere puoi farti beffe di leggi e regolamenti, ad esempio di quello sulla par condicio elettorale. Potremmo agevolmente dimostrare che i giornali locali (Tirreno e Nazione in testa) hanno platealmente disatteso tutte le norme in materia, ma anche ove vincessimo, ormai il danno l’abbiamo subito, e sarebbe comunque una vittoria di Pirro, che ci farebbe perdere ulteriormente tempo. No. E’ meglio entrare in Comune e tirar fuori da subito tutto quello che per troppo tempo e’ rimasto nei cassetti e negli armadi. Aprire le finestre e dare aria. Abbiamo imparato che il potere tenta in tutti i modi di distruggere (o…

Share

Parliamo di cose serie

Oggi torniamo a parlare del nostro programma, affrontando la questione spinosa dell’ Unione Valdera, il carrozzone creato ad hoc dal PD per bypassare il patto di stabilita’ imposto dallo Stato ai Comuni. il PD intende “blindare” l’adesione dei comuni all’unione Valdera, facendo in modo che uscirne sia ancora piu’ difficile di adesso, quindi praticamente impossibile. E’ sempre la stessa tattica: quando capiscono di avere sbagliato, negano tutto e mettono in salvo il bottino.   Cerchiamo di spiegare innanzitutto cos’e’ e come funziona: L’Unione Valdera è un ente territoriale di secondo livello (più avanti vedremo ciò che comporta) come previsto dal’Art.32 del T.U.E.L. Testo Unico Enti Locali che recita: 1 .) L’unione di comuni è l’ente locale costituito da due o più comuni, di norma contermini, finalizzato all’esercizio associato di funzioni e servizi. 2.) Ogni comune può far parte di una sola unione di comuni. Le unioni di comuni possono stipulare apposite convenzioni tra loro o con singoli comuni. 3.) Gli organi dell’unione, presidente, giunta e consiglio, sono formati, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, da amministratori in carica dei comuni associati e a essi non possono essere attribuite retribuzioni, gettoni e indennità o emolumenti in qualsiasi forma…

Share

La marchetta (e pure finta)

Oggi sul giornale del PD (non l’unita’, l’altro, quello locale) il sindaco degli elettori PD annunciava la “sospensione” della rata TASI di Giugno. Non a caso fa (lo fa ancora?) l’avvocato, e quindi giocare con le parole e’ il suo mestiere. Sospensione vuol dire che qualcosa rimane “sospeso” non che viene “abolito” o “eliminato”. No. “Sospeso”. In realta’ la faccenda della sospensione e’ una buffonata, infatti la prima rata di acconto si paga il 16 giugno, il saldo a dicembre. tale divisione non vale però per i comuni che non avranno deliberato nuove aliquote entro il prossimo 23 maggio: in questo caso non si pagherà l’acconto sulla prima casa a giugno ma si verserà direttamente il conguaglio, che corrisponderà quindi all’intera tassa a dicembre, in base alle aliquote che a quel punto dovranno essere state approvate obbligatoriamente. Quindi l’acconto e’ sospeso come una spada di Damocle sul collo dei cittadini, che sono stati “avvertiti” che la prossima giunta potra’ anche rivedere le aliquote (se al rialzo o al ribasso non e’ dato saperlo) e che comunque vada, a Dicembre pagheranno un conguaglio, cioe’ potrebbero anche pagare quello che non hanno pagato a Giugno. Questa “sospensione” (che poi non e’ nemmeno…

Share

L’importante e’ inaugurare!

L’incredibile storia della Biblioteca di Pontedera…non ancora terminata e non a norma, ma già inaugurata dalla presidente della Camera Laura Boldrini! A raccontarci questa vicenda è la nostra portavoce al Senato Sara Paglini. “Sono stata a Pontedera poco fa, città del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi (Pd) e per 2 volte già sindaco della città. Gli attivisti mi hanno segnalato un fatto grave . La biblioteca comunale inaugurata circa un mese fa in pompa magna dalla presidente della Camera Laura Boldrini…non è terminata e tuttora sono in corso i lavori di impiantistica e sicurezza. Sì. Avete letto bene. Così sono andata a far visita nel sito, e lì ho trovato un’ impresa di elettricisti intenti a lavorare con a fianco i ragazzi a studiare… Ho chiesto a questi lavoratori cosa stessero facendo. Candidamente mi hanno risposto che stavano mettendo a punto l’impianto antincendio e che lo avrebbero collaudato tra 2 settimane! Quindi, se ciò che hanno ammesso e’ vero, (controlleremo al più presto tutto il piano di messa in sicurezza) è un mese che questa biblioteca è aperta al pubblico senza rispettare le dovute norme di sicurezza! Casualmente all’interno dei locali c’era l’assessore alla cultura signora Canovai (Pd), che…

Share

Tutti in piazza!

I partiti hanno i finanziamenti pubblici. i partiti hanno giornali, radio e televisioni. I partiti hanno la possibilita’ di negare l’accesso alle informazioni e impedire la partecipazione dei cittadini. I partiti (in particolare il PD) usano spudoratamente gli spazi comuni per farsi campagna elettorale, in palese violazione della legge. I partiti promettono favori in cambio di voti. Noi no. Noi abbiamo solo la piazza e la rete. Per questo  il M5S Pontedera, ha organizzato per sabato 10 Maggio un agorà pubblica che si svolgerà in Piazza Curtatone a Pontedera a partire dalle ore 16. Agorà che vedrà la partecipazione dei parlamentari : Alfonso Bonafede , vicepresidente commissione Giustizia, Massimo Artini vicepresidente commissione difesa. Parteciperanno i candidati toscani al parlamento Europeo Marco Di Gennaro, Matteo Della Negra, Silvia Fossi e Cristiano Ripoli. Saranno presentati i candidati al Comune di Pontedera, con interventi tematici e la possibilita’ da parte del pubblico di fare domande sia ai parlamentari che ai componenti della lista per le comunali. In caso di pioggia la manifestazione si terra’ ugualmente, vista la possibilita’ di spostarsi sotto le logge dove una volta c’era il Tribunale. E’ importante la massima partecipazione. Non e’ un comizio a senso unico, avrete la…

Share

Democrazia diretta, questa sconosciuta

Quante volte vi siete scontrati con decisioni calate dall’alto, prese in fretta e furia con la scusa dell’ “interesse superiore”, senza un’adeguata consultazione preventiva e soprattutto senza le informazioni sufficienti per poter decidere? Pontedera e’ piena di esempi di questo tipo: a partire dalla buffonata del Piazzone da basket, per arrivare a cose molto piu’ serie come la pianificazione urbanistica e la viabilita’, il gassificatore di rifiuti, la gestione dei beni pubblici (acqua, trasporti, energia). Da sempre il cittadino viene preso in considerazione solo ed esclusivamente al momento delle elezioni poi, come da prassi, il niente. Ogni decisione più o meno importante viene “calata dall’alto” senza che qualcuno abbia la possibilità di opporsi o anche dichiararsi a favore: “si fa e basta!!!” Quante volte abbiamo sentito queste parole e sono state percepite da tutti come un abuso, una forzatura, una ingiustizia. Noi intendiamo ribaltare questa logica, e questi sono gli strumenti che intendiamo usare: Il MoVimento 5 Stelle Pontedera propone qualcosa non di eversivo o rivoluzionario ma di “buon senso”. Noi vogliamo l’introduzione degli strumenti di democrazia partecipata quali: 1) Consultazioni senza quorum per attuazione o meno di progetti di alta rilevanza ambientale, sociale o economica nel Comune (se voti…

Share

Uno scatolone vuoto da 6 milioni di dollari

Sabato 12 Aprile 2014 veniva inaugurata a Pontedera la nuova biblioteca comunale. La struttura è stata ricavata da un capannone appartenente in passato alla società Piaggio. Il Comune per adibirlo alla nuova attività ha dovuto spendere di tasca dei cittadini 800.000 euro solo per bonificare i terreni su cui appoggia, ed altri 6.000.000 per darcela allo stato di fatto. Ossia vuoto. Come si evince dalle immagini si tratta di un unico enorme open space disposto su due livelli in contatto tra loro per cui non esiste quella tranquillità che in parte regnava nella vecchia biblioteca comunale e che nella realtà dei fatti si può trovare in qualsiasi altra biblioteca sita sul territorio nazionale e non solo. Di fatto non esistono delle stanze più o meno piccole atte a dare allo studente quel senso di raccoglimento necessario al raggiungimento della concentrazione dovuta. In questi spazi aperti è frequente il sentire un telefono della biblioteca che squilla e che non si trova neanche affatto così vicino. Si sentono persone parlare a distanze ragguardevoli, anche se a bassa voce. Allora ci chiediamo : è stato fatto uno studio sull’acustica ? Abbiamo osservato che i computer in dotazione della biblioteca sono disposti lungo una…

Share