Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!
CARO ASSESSORE….

Vorremmo rispondere alla veloce replica dell’assessore Matteo Franconi, a proposito ci piacerebbe la stessa velocità per la consegna degli atti richiesti, per far notare che non viviamo su Marte e siamo consapevoli che quei soldi potevano essere spesi solo per quel progetto e non per altro. E’ Il sistema della gestione delle grandi opere pubbliche che ci lascia perplessi perché toglie risorse alle piccole manutenzioni che sarebbero più utili nella quotidianità dei cittadini. Ma girando appunto per la zona industriale e vedendo tratti della pista ciclabile già deteriorati, (alleghiamo foto) prima di essere inaugurati non possiamo fare a meno di avvicinare tali lavori a quelli della strada di patto. A nostro avviso anche qui sono mancati i controlli non si può spiegare diversamente lo stato della pista ciclabile. Noi 5 stelle saremo forse ingenui o demagoghi ma vorremmo evitare altri successi dell’amministrazione come strada di patto e biblioteca. E viene anche da chiedersi che, se il cantiere dovesse andare avanti ancora per molti mesi, non si può nel frattempo provvedere con il taglio dell’erba? Ci auguriamo, comunque che i lavori procedano speditamente e senza ulteriori rallentamenti e siamo sicuri che il taglio del nastro avverrà sicuramente al momento delle prossime…

Share

Passeggiando per la zona industriale di Gello
Ambiente / 8 ottobre 2017

Il MoVimento 5 Stelle di Pontedera, per il giorno 7 ottobre  aveva organizzato una giornata per pulire una zona di Pontedera, l’invito era esteso a tutti. Ha partecipato  anche il meet up di San Giuliano Terme.  In poco tempo e in una zona molto limitata abbiamo raccolto molto materiale, soprattutto bottiglie di plastica e di vetro,  gettate sicuramente dalle auto di passaggio, ma anche molti pacchetti di sigarette, cicche e molto altro. Dopo la raccolta ci siamo recati all’isola ecologica per consegnare i sacchi raccolti. Facendo un giro per la zona industriale di Gello, oltre alla grande quantità di rifiuti abbandonati dovuti sicuramente all’inciviltà, abbiamo visto che nonostante il tanto proclamato progetto APEA ovvero Area produttiva ecologicamente attrezzata, la zona industriale versa in condizioni pietose. Tale progetto è costato  2.300.000,00 euro di soldi pubblici cioè nostri. Un milione a carico della Regione Toscana  e la differenza a carico del Comune. Nel progetto la zona industriale doveva diventare un giardino con alberi, pista ciclabile, pannelli fotovoltaici, parcheggi (quelli ci sono) asfalti nuovi e illuminazione a Led. Nella strada che abbiamo percorso, abbiamo visto soltanto tante erbacce che coprivano anche la pista ciclabile, crediamo che nessun ciclista vi si possa avventurare, e…

Share

CENCIATA PONTADERESE
Ambiente / 6 ottobre 2017

Per rispondere all’inciviltà, al degrado ambientale e al menefreghismo verso l’ambiente il M5s di Pontedera ha deciso di fare un piccolo gesto ma di grande valore simbolico e invita tutta la cittadinanza a unirsi per ripulire una zona della nostra città. L’appuntamento è per sabato 7 ottobre alle 10 in viale America … Vi aspettiamo numerosi!! MoVimento 5 Stelle Pontedera  

Share

IL “NUOVO” PRESIDENTE GEOFOR
Ambiente / 11 aprile 2017

  A succedere Paolo Marconcini alla presidenza di Geofor, è stato designato Daniele Fortini. Definito uomo di grande esperienza, professionalità e competenza, il suo curriculum salta all’occhio indubbiamente più per le nomine e gli incarichi politici  rispetto alle capacità imprenditoriali, gestoniali e manageriali. Vanta infatti una carriera politica che lo vede da decenni quasi obiquo: fedelissimo, è stato dirigente prima del PCI, mantenendo la dirigenza del PDS e poi dei DS a Grosseto e Firenze, consigliere comunale e sindaco per due anni a Orbetello e ancora, consigliere comunale a Signa; a seguire, una brillante carriera in società pubbliche nelle quali sicuramente si è contraddistinto eccome! Se non si è trattato di una nomina politica, siamo curiosi di apprendere i meriti sul campo che hanno fatto pendere l’ago della bilancia sul nostro. Escludiamo che possano essere i trascorsi in AMA Roma, come pure il lavoro svolto presso ASIA Napoli. Esperienze meravigliose che ci hanno regalato immagini indelebili di montagne di rifiuti che arrivavano ai primi piani delle case, esponendo Napoli e l’Italia all’incredulità e allo sdegno del mondo intero. Questi i commenti usciti sulla stampa all’epoca: Ottime capacità a non far partire la raccolta differenziata e a  disorganizzare quel poco che…

Share

Le voci dei cittadini contrari all’ampliamento della discarica di Legoli 2011 – 2015

Lunedì 10 aprile – ore 21:30 Cinema Agorà Via Valtriani 20 – Pontedera (PI) – ingresso libero Con l’ultimo ampliamento, la discarica di Legoli (Peccioli, PI) ha raggiunto l’invidiabile primato della più grande discarica regionale e si è assicurata la possibilità di estendere la propria “attività industriale” per i prossimi 25-30 anni. Uno dei fattori chiave che ne hanno decretato il “successo” è la scarsa densità abitativa del territorio in cui sorge, e dunque la relativa facilità della politica a contenere il dissenso locale che inevitabilmente incontrano impianti di questo tipo. Il secondo fattore è l’abilità con cui gli amministratori di Peccioli, che l’hanno gestita ininterrottamente per 30 anni, hanno saputo coltivare nel tempo un’immagine edulcorata della discarica, reinvestendo una parte considerevole degli utili in varie forme di  propaganda mediatica, a livello locale, regionale e nazionale. Il risultato è che oggi la discarica di Peccioli viene percepita dal grande pubblico come un esempio positivo di coniugio tra I’attività di smaltimento rifiuti, il rispetto per l’ambiente e il ritorno economico per la comunità che la ospita. In realtà le cose sono un po‘ più complesse di come appaiono e questo documentario apre uno spaccato inedito su un punto di vista alternativo…

Share

“PROMESSE ELETTORALI”
Ambiente / 31 marzo 2017

Dal programma elettorale del PD per le amministrative 2014/2019 leggiamo una miriade di iniziative per le frazioni dalla cura del verde urbano, alla sistemazione di piazze, marciapiedi, strade, dal potenziamento dell’illuminazione pubblica alla manutenzione degli impianti sportivi. Per la frazione di Gello leggiamo solo queste poche righe:  ampliamento e manutenzione di spazi e verde pubblico;  ampliamento e realizzazione di una struttura ricettiva presso gli impianti sportivi;  implementazione del polo ambientale del riciclo;  ammodernamento e potenziamento del depuratore di Valdera Acque;  realizzazione e messa a regime del nuovo impianto di compostaggio;   Il territorio di Gello da anni ormai è stato sacrificato per la realizzazione del “cosiddetto” polo ambientale e ha nel suo interno i seguenti impianti: 4 Discariche Revet Ecoacciai Mansider Valdera Acque Geofor Ecofor e altre aziende del settore Prossimo impianto di compostaggio Quindi vedere così poca attenzione da parte dell’amministrazione in sede di stesura del programma relativa a questa frazione, lascia perplessi come se a Gello non ci fosse bisogno di fare altro oltre alla manutenzione dell’unico spazio verde pubblico che è quello di fronte alla chiesa e la realizzazione di una struttura ricettiva sempre nell’unico spazio verde denominato “Il Campino” Probabilmente per…

Share

Tempio Crematorio
Ambiente / 10 marzo 2017

Come avrete letto sulla stampa sta venendo alla luce dal Comune di Casciana Terme Lari un progetto, in “project financing”, per la costruzione di un Tempio Crematorio da costruirsi a Lavaiano. Qualcuno dirà: ma a noi di Pontedera cosa ce ne cala? Ce ne cala…e anche parecchio. In poche parole un “Tempio Crematorio” non è altro che un Forno Crematorio per mezzo del quale chi lo desidera può, al momento della sua dipartita, tornare polvere alla polvere. Purtroppo tale pratica non è esente da problemi….per chi rimane. Come tutti sappiamo il corpo umano è formato nella maggior parte d’ acqua (60-65%), il resto è scheletro e altri componenti. Dopo la combustione restano circa 2,00/2,50 Kg. di cenere il resto si disperde in aria. La dispersione in aria avviene dopo un filtraggio delle polveri (ovviamente anche questi filtri dovranno essere smaltiti come rifiuti pericolosi); è a questo punto che iniziano i grattacapi. Dal camino potranno uscire: Monossido di carbonio, Sostanze organiche, Acido Cloridrico, Acido Fluoridrico, Ossidi di Zolfo, Ossidi di Azoto, Cadmio, Mercurio, Diossine…. Non ci sembra sia una boccata d’aria fresca di montagna, e non possiamo esimerci dal pensare che qualunque cosa esca (poca o tanta che sia) ce la…

Share

“Barbecue?”….. o altro?……
Ambiente / 30 gennaio 2017

Apprendiamo dai media che nella giornata di oggi domenica 29 gennaio, presso l’azienda ECO ACCIAI nella zona Industriale di Gello si è verificato un incendio.  Si legge che l’incendio è stato subito domato grazie al pronto intervento dei vigili del fuoco. L’azienda che si occupa di recupero e  lavorazione di rottami metallici, non è nuova ad episodi del genere anche nel 2012 fu interessata da un vasto incendio che per cause accidentali interessò il magazzino e provocò un’alta colonna di fumo nero. Nel  maggio del 2015 invece sono andati a fuoco ben 70 tonnellate di pneumatici nel deposito della Mansider  sempre a Gello a pochissima distanza da Ecoacciai. Avevamo presentato una mozione in consiglio comunale, (naturalmente respinta) dopo il verificarsi persistente delle maleodoranze, per chiedere una centralina fissa di  monitoraggio della qualità dell’aria, e non un controllo a giorni alterni come invece è stato fatto dall’amministrazione comunale, senza tra l’altro aver mai pubblicato in modo ufficiale gli esiti di tali analisi. Chiediamo che il sindaco, quale responsabile della salute pubblica di tutti i cittadini di Pontedera, (anche di quelli di Gello) di controllare e di fare controllare che le varie aziende presenti nel territorio che trattano materiali simili adottino tutte…

Share

FALLIMENTO
Ambiente / 21 gennaio 2017

Nell’ultimo consiglio comunale c’è stata la trionfale presentazione della TIA puntuale, (si dovrebbe pagare la TIA in base ai rifiuti effettivamente prodotti e differenziati), metodo  di tassazione che anche noi avevamo in programma, ma che ci rende perplessi sulle modalità con cui verrà adottato dall’amministrazione.  Nel medesimo consiglio ci hanno  stupito le risposte date dall’assessore Franconi ad un’interrogazione della Lista  Civica  Indipendente, critica  su Igenio, molto simile ad un’altra presentata da noi nel mese di febbraio 2015, risposte che differiscono notevolmente da quelle da noi ricevute dal sindaco stesso. Due anni fa chiedevamo delucidazioni su vari aspetti, tra cui lo stato di manutenzione dei cassoni IGENIO (a causa delle serrature rotte chiunque poteva smaltire i rifiuti, aventi diritto e non), sul fatto che il materiale poteva essere mischiato e quindi non differenziato, nonchè sul fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nella zona. Circa le  serrature  abbiamo ottenuto un’ampia spiegazione, per tutto il resto tre righe scarne che asserivano: ” la percentuale di raccolta differenziata rilevata da Igenio si attesta al 70%  contro  il 45% del porta a porta in centro e il fenomeno abbandono rifiuti in calo da settembre 2014”. Quindi un successone!!! L’assessore Franconi nell’ultimo consiglio ha affermato che il sovvallo…

Share

Parere medico su spandimento dei fanghi in agricoltura
Ambiente / 20 gennaio 2017

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa di ISDE – MEDICINA DEMOCRATICA che ha ad oggetto il parere medico sull’inopportunità di permettere lo spandimento dei fanghi  su terreni agricoli. In data 28/11/16 abbiamo presentato una mozione in consiglio comunale avente lo stesso oggetto, bocciata dalla maggioranza. Il comunicato è rivolto alla Regione Toscana e ai sindaci coinvolti. Buona lettura!! Movimento 5 Stelle Pontedera Parere medico sullo spandimento di fanghi su terreni agricoli

Share