Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!

BELLA MOSTRA…MA LA SICUREZZA?

24 Febbraio 2017

Abbiamo visitato ed apprezzato la mostra allestita al piano 1° dell’ex palazzo pretorio dedicata al mito della velocità. È veramente bella sia nella forma con cui è presentata sia nella sostanza dei contenuti tanto è vero che abbiamo ripetuto più volte la visita.

Anche il prezzo del biglietto di accesso ci è sembrato congruo e alla portata di tutti.

Nonostante la prima impressione sia stata positiva abbiamo potuto constatare, a nostro avviso,  alcune deficienze per quanto riguarda la sicurezza e la congruità delle vie di esodo nel caso in cui si dovesse presentare una emergenza e, quindi, la necessità di un esodo rapido e sicuro.

Quanto detto assume un aspetto ancora più significativo se riferito alla presenza di persone diversamente abili che, come tali, si troverebbero in estrema difficoltà per raggiungere un luogo sicuro specie se su sedie a rotelle.

Per capire meglio esaminiamo la questione per gradi.

1) L’accesso per le persone diversamente abili è consentito tramite un piattaforma a scomparsa che, a richiesta, può essere attivata per l’accesso degli stessi solamente al bar-ristorante.

2) Per consentire ai diversamente abili l’accesso ai piani superiori è presente un ascensore sul retro del palazzo a cui si accede da via Verdi.

Fin qui niente da eccepire perché, bene o male, tutti quanti hanno la possibilità di entrare e godersi l’esposizione.

Il problema sorge, come accennato prima, laddove si presentasse la necessità di attuare un rapido esodo dai piani superiori in caso di emergenza.

3) Gli avventori possono usare sia le scale di accesso principali sia quelle sul retro poste di fianco all’ascensore (anche se ci sono sorti alcuni dubbi sulla loro corretta segnalazione e illuminazione di sicurezza).

4) Coloro che scelgono la prima via, appena giunti sotto il loggiato si trovano di fronte una porta a vetri dotata di apertura a barra antipanico ma non dotata di bloccaggio in posizione di “aperto”.

Inoltre, appena fuori, si trovano di fronte una scalinata che costituisce un pericolo per chi vi transita in condizioni di stato d’animo non normale.

5) Il problema maggiore si ha per le persone diversamente abili, specie se su sedie a rotelle, per le quali sono interdette entrambe le vie di esodo salvo che siano assistite da due persone opportunamente formate (sono presenti nel personale?).

La cosa si complicherebbe se le sedie a rotelle fossero motorizzate perché in questo caso la manovra sarebbe impossibile a causa del peso dei motori e delle batterie, del diametro delle ruote, ecc.. Pertanto occorrerebbe valutare quale sarebbe il metodo di trasporto o ausilio più adeguato al caso di specie (disponibilità all’occorrenza di sedia a ruote, di sedia specifica utilizzabile per le operazioni di evacuazione lungo le scale o altri sistemi).

Tutto questo, a nostro avviso, non sembrerebbe essere stato predisposto.

6) Anche l’ascensore sul retro non è utilizzabile in caso di incendio salvo che, lo stesso, sia del tipo cosiddetto “antincendio”; ma, anche se lo fosse, non sarebbe autonomamente utilizzabile in quanto deve essere gestito da personale appositamente istruito al loro impiego.

Alla luce di quanto sopra esposto chiediamo una risposta seria e documentata riservandoci, tuttavia, la facoltà di eseguire un’indagine più ampia e dettagliata.

 

Movimento 5 Stelle Pontedera

 

Share

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *