Pontedera 5 Stelle, Cittadini con l'elmetto!

7 – Igiene ambientale e acquisti verdi

20 aprile 2014

amianto1Lo smaltimento dell’amianto che giace abbandonato o è tutt’ora in uso in zone abitative o industriali, è un problema che merita particolare attenzione.
Si deve anzitutto avviare un censimento dell’amianto presente in città, allo scopo di:
Valutare potenziali rischi per la salute pubblica. Individuare le eventuali concentrazioni di amianto in zone critiche quali scuole, parchi, opifici e strutture ad uso agricolo e zootecnico. Concordare e programmare subito gli opportuni interventi.
Valutare possibili incentivi per la rimozione/sostituzione (magari con impianti fotovoltaici) delle coperture in amianto al fine di ridurre i rischi per la salute di tutti i cittadini.
L’aria che respiriamo determina, insieme all’acqua, un valore primario inalienabile.
Le attività umane “consumano” necessariamente aria e acqua, ma molte volte si va oltre il necessario. E’ giunto il momento di prendere coscienza che tali risorse non sono infinite, hanno un loro tempo di rigenerazione, ed occorre gestirle oculatamente. Non possiamo permetterci ulteriori “sprechi”, pena il “fallimento della ditta”.
Saranno istituiti controlli costanti sul livello di inquinamento atmosferico tramite centraline fisse, controlli sull’inquinamento acustico e sulle onde elettromagnetiche. I risultati di tali controlli saranno messi a disposizione dei cittadini, in forma semplificata, sul sito del Comune.
In pratica proponiamo:
Ristrutturazione energetica degli edifici per ridurre le emissioni di CO2, e applicazione del “Piano di risparmio energetico” agevolando e premiando quei proprietari di immobili che applichino autenticamente e in modo certificato le norme ivi contenute. In primo luogo, per l’edificato esistente, dovranno essere adeguati alle norme gli immobili in disponibilità del Comune e delle Pubbliche amministrazioni.
Riduzione delle polveri sottili e degli agenti inquinanti presenti nell’aria attraverso la progressiva riconversione dei mezzi di trasporto pubblici da combustibile fossile a trazione elettrica/gas metano.
Progressivo obbligo di utilizzo di pitture fotocatalitiche per la tinteggiatura esterna degli edifici comunali e cittadini. La pittura fotocatalitica riesce a trasformare in sali minerali innocui come carbonati di calcio e nitrati di sodio le sostanze nocive presenti nello smog per mezzo di un processo detto appunto di “fotocatalisi”. Inoltre, non trattiene lo smog e permette alla pioggia di lavare via eventuali residui.

Applicazione della legge sugli acquisti “verdi”:

Il Movimento 5 Stelle intende sfrutttare al massimo tutti i possibili incentivi regionali, statali ed Europei per l’acquisto di materiali provenienti dalla filiera del riciclaggio,
Abbiamo nel nostro comune un impianto di riciclaggio delle plastiche miste e un distretto del recupero di materiali vari, soprattutto ferrosi e inerti. Anche qui possiamo proporre di lanciare un concorso pubblico di idee mirato all’ ottenimento di finanziamenti Europei da destinare alla ricerca di applicazioni per i materiali derivanti dal riciclaggio.

Bonifiche:

Oltre al gia’ citato problema dell’ amianto, la prossima amministrazione dovra’ far fronte alla questione della bonifica dell’ area ex Mansider, per la quale, essendo una superficie relativamente ridotta, la legge prevede una certa autonomia di movimento da parte delle amministrazioni locali. Autonomia che pero’ spesso viene vanificata dalla scarsita’ di risorse disponibili.
Evidentemente nessuna delle amministrazioni si e’ mai sognata di affrontare il problema, figuriamoci di prevenirlo. Quindi se riusciremo ad ottenere il governo della citta’ ci dovremo far carico anche di questa situazione.

Share

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *